Indice del forum Armocromia & Stile

 
 FAQFAQ   CercaCerca   Lista utentiLista utenti   GruppiGruppi   RegistratiRegistrati 
 ProfiloProfilo   Messaggi privatiMessaggi privati   Log inLog in 

BENVENUTE NEL FORUM ARMOCROMIA & STILE +++LINK GRUPPO FB+++

 
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> FORUM CHIUSO!!! Ci siamo trasferite su Facebook! Nuove liste prodotti e personaggi famosi!
Precedente :: Successivo  
Autore Messaggio
Ads






Inviato: Mar Set 19, 2017 1:31 pm    Oggetto: Ads

Top
månes dotter
Fondatrice Suprema
Fondatrice Suprema


Registrato: 13/06/12 22:49
Messaggi: 4426
Residenza: Augusta Taurinorum

MessaggioInviato: Lun Ott 28, 2013 12:43 am    Oggetto: BENVENUTE NEL FORUM ARMOCROMIA & STILE +++LINK GRUPPO FB+++ Rispondi citando


Solamente gli utenti registrati possono vedere link su questo forum!
Registrati oppure Autenticati su questo forum.




In che senso si possono condividere gli stessi colori? Cosa vuol dire appartenere a una “stagione”?

Tutte noi abbiamo nella nostra pelle (e poi negli occhi e nei capelli) dei toni che richiamano quelli della natura che ci circonda, la quale cambia a seconda delle stagioni, o almeno, in base all’immagine tradizionale che si ha dei vari mesi dell’anno. Da qui il nome di sistema “delle stagioni”, che ritrova nei nostri colori naturali una corrispondenza coi colori dell’inverno piuttosto che dell’autunno, ecc. Questa disciplina si chiama ARMOCROMIA ed è in sostanza la teoria e analisi dell’armonia dei colori che si usa nell’arte, applicata agli esseri umani. Il colorito umano ha due dominanti di base che permettono di individuare quali sono di conseguenza i colori che più si armonizzano con la persona e individuarle è lo scopo dell’analisi del colore.
E’ la nostra pelle e il modo in cui reagisce ai colori a dirci con quali risplendiamo, quali si armonizzano perfettamente col nostro colorito di base e quali invece stridono con esso. E’ innegabile che ciascuna di noi (ma anche ciascuno, perché gli uomini non si truccano ma anche loro si vestono!), al di là dei gusti personali a volte, stia meglio con alcuni colori e molto meno bene con altri. La difficoltà che spesso si incontra nel definire la propria “categoria cromatica”, vuoi perché l’autoanalisi richiede un’onestà non facile da mantenere verso se stesse, vuoi per la complessità del colorito umano, richiede quasi sempre l’aiuto di una persona competente in materia.

Guida alla partecipazione del forum

In questo forum si parla di ARMOCROMIA, cioè della disciplina che individua i colori migliori per noi, non discutiamo genericamente di quanto ci piace un rossetto piuttosto che il colore in voga per l’anno in corso, per quello ci sono migliaia di forum ai quali rivolgersi. Qui parliamo di colore da un punto di vista analitico e il più possibile oggettivo, di ciò che ci sta DAVVERO bene: se vi piace comprare indiscriminatamente qualsiasi rossetto Mac faccia uscire nelle sue decine di collezioni ogni anno e pensate che bene o male tutto stia bene a tutte, o che “basta volerlo/saperlo portare”, questo forum non fa per voi.

E a chi non interessa l'armocromia?

Basarsi sull’armonia del colore non vuol dire che si rigetti a prescindere qualsiasi tipo di espressione artistica o personale che il trucco o l’abbigliamento permettono di esprimere. Se una persona ama l’effetto rock piuttosto che punk piuttosto che multi-colour, fa bene a non seguire le regole dell’armonia del colore perché altrimenti non otterrebbe mai l’effetto voluto, non colpirebbe l’occhio di chi guarda con il colore o l’eccesso di eyeliner nero ecc. Se vi piace mettervi il rossetto nero per gridare al mondo il vostro....umor nero con cui vi siete svegliate la mattina, ci sta e va benissimo.

Attraverso l'armocromia però si vuole colpire l’occhio di chi ci guarda in modo diverso: facendo risaltare l’insieme attraverso l’accostamento dei colori della persona con quelli del suo make-up e del suo abbigliamento, un po’ come una melodia irresistibilmente armoniosa.

Comprendiamo perfettamente quindi che non tutte possano ritrovarsi volentieri in questa filosofia del colore: capiamo benissimo che il condizionamento culturale del seguire la moda, il colore dell’anno, il rossetto dell’ultima collezione Chanel, siano molto forti ed è difficile tapparsi le orecchie alle sirene del consumismo sfrenato del “compracompracompra se non hai la maglia o il rossetto di quel colore non sei nessuno”.

Capiamo anche che è difficile abbandonare le proprie convinzioni che si sono costruite nel corso di una vita su cosa ci stia bene o cosa no e che può essere molto irritante o sconfortante scoprire che ci sia qualcuno o qualcosa che può mettere in discussione le proprie granitiche certezze, per quanto su argomenti frivoli. Non pretendiamo di essere capite, entrare nell’ottica del lasciarsi consigliare su questioni come il colore suscita reazioni del tipo “ma devo addirittura farmi dire da qualcuno che colori usare?” e sappiamo che rischiamo di passare per insicure, credulone, fissate ecc. ecc.

A chi pensa questo, siamo spiacenti di comunicare che non siamo nulla di tutto ciò.

Abbiamo semplicemente accettato i nostri limiti, perché non tutto ciò che è alla moda può stare bene per forza o merita di essere acquistato e soprattutto ci siamo arrese all’evidenza dei fatti: molto ma molto difficilmente si è obiettive e oneste con se stesse quando si tratta di dire se si sta bene o male con un abito o un rossetto, basta darsi un’occhiata intorno per strada o fare qualche ricerca su Google per constatarlo. A volte in fatto di colori le scelte sono talmente viscerali e profonde da impedirci una “chiarezza” di auto-giudizio.

A questo punto ci sarà qualcuna che, interessata all’argomento, chiederà: ma perché è così difficile auto-analizzarsi? Perché non posso farlo da me? Davvero mi conosco così poco e i condizionamenti possono essere tanto forti da impedirmi di capire da sola cosa mi sta meglio?

La mia risposta è che purtroppo, per la mia/nostra esperienza, nel 90% dei casi sì, le nostre auto-convinzioni e auto-costruzioni sulla nostra immagine posso essere talmente forti da impedirci di vedere cose anche ovvie. E a volte sono talmente radicate da portare a rifiutare il “verdetto” sulla propria categoria cromatica, specie se rivela che si ha l’armadio pieno di vestiti in colori sbagliati o che il beauty sarebbe da buttare.

Si chiederà: ma i gusti personali dove vanno a finire?

La mia/nostra risposta è: non esiste una polizia armocromatica che vi arresterà se vi piace mettervi un rossetto troppo forte per voi o non riuscite a rinunciare al vestito nero glamour che vi piace tanto. L’armocromia dona però una consapevolezza di quello che è il nostro “potenziale armocromatico” (cit. Coloressential) alla quale non si rinuncia più e una volta raggiunta è difficile tornare indietro. Sapere di “non risplendere” AL MASSIMO con un determinato colore, per quanto possa piacere, diventa insopportabile una volta che si è acquisita la conoscenza su quali sono i nostri VERI colori amici. Spesso dopo l’analisi dei nostri colori si comprende perché avevamo certe sensazioni che non riuscivamo a spiegare, perché il rossetto vira, perché l’ombretto dopo qualche ora diventa giallastro…si capisce che non erano solo impressioni errate e l’armocromia aiuta davvero a far luce nelle tenebre in cui spesso ci muoviamo nel mondo dei colori.

Come comportarvi nel forum se non conoscete la vostra stagione

Come già detto, la stragrande maggioranza delle utenti più attive del forum conosce la propria tipologia cromatica e si confronta sui propri acquisti, impressioni sui colori ed esperienze. Partecipare attivamente a questo forum se non conoscete con certezza la vostra stagione può quindi costituire un problema ma non si vuole neanche impedire di partecipare a chi non intende sottoporsi a un’analisi del colore! Nessuna sezione è chiusa perché la partecipazione al forum non vuole essere proibita a nessuno ma

pregherei coloro che non sono MAI state analizzate, per quanto possibile, di regolarsi nella loro partecipazione nelle sezioni delle stagioni e di NON aprire topic che saranno cancellati senza preavviso!!!

Questo per due semplici motivi: se non conoscete con certezza la vostra stagione è altamente probabile che 1) diate consigli sbagliati sui prodotti e i colori (a volte si sbaglia conoscendola, figuriamoci, ma siamo qui per imparare); 2) diate consigli e pareri basati solo ed esclusivamente sui vostri gusti personali e/o sulla stagione che vorreste e/o vi sembra di essere e che molto probabilmente non c’entrano nulla con l’armocromia che è quello di cui si occupa questo forum e che Pia, con grande pazienza e disponibilità, ha cercato di insegnarci.

Quello che qui cerchiamo nel nostro piccolo di fare è di dare informazioni il più corrette possibile su una disciplina poco conosciuta e che suscita curiosità sì ma anche grandi antipatie e resistenze e riempire il forum di foto di rossetti fuchsia brillante che tanto vi piacerebbe portare e scrivere ovunque che pensate di essere autunno quando poi si scoprì che siete primavere brillanti ingenera solo confusione, cattiva informazione e lavoro supplementare nostro che dobbiamo cancellare e fare taglia e cuci nei topic. Insomma se volete godere appieno dei benefici dell’armocromia e partecipare attivamente al forum come utenti a pieno titolo, insomma se la materia vi interessa seriamente, che ve lo dico a fare, FATEVI ANALIZZARE!!!



In conclusione…..sorpresa!!!!!!! Guida per un’autoanalisi………..al contrario!

Da quando ho scoperto il mondo dell’armonia dei colori, l’esperienza su questo forum e fuori da esso, parlando di questi argomenti con le persone, mi ha insegnato che, in generale per carità non prendete ciò che segue come un decalogo infallibile perché voi potreste essere proprio l’eccezione che conferma la regola:

1) le inverno vogliono essere primavere, forse perché percepiscono i propri colori come troppo severi (da inverno assoluto posso dire che mettere solo colori freddi può diventare una scocciatura, ma d’altronde quelli caldi mi stanno davvero troppo male per pensare di usarli…) o tutt’al più pensano di essere estate, perché credono di non poter portare i colori forti che invece devono indossare per rendere al massimo, pena effetto slavato e malaticcio.

2) le primavere pensano di essere autunno, un po’ per lo stesso motivo per cui gli inverni pensano di essere estate.

3) le estati vogliono essere inverno, SEMPRE, come se percepissero che in realtà non dovrebbero osare troppo e si ostinano spessissimo a voler portare colori troppo intensi per loro.

4) le autunno sono quelle che ci prendono di più con l’autoanalisi ma capita non di rado che pensino di essere inverno, specie le autunno profondo o soft profondo molto neutre.


E non finisce qui:

5) le assolute, calde o fredde che siano, raramente si auto-riconoscono o vogliono ammettere di essere tali perché ripeto, l’“assolutismo armocromatico” (nel senso della temperatura, grazie a Juliette per la simpatica espressione!) alla lunga si rivela un’arma a doppio taglio oltre che una gran scocciatura a cui bisogna rassegnarsi, se si vuole dire di usare i colori GIUSTI, anche perché se non lo fate il danno è subito visibile.

6) le chiare tendono a sottovalutarsi a modo loro pensando di essere soft (e quando sono soft chiare in effetti ci prendono), ma più spesso si ostinano a usare colori da profonde: non avete idea di quante ragazze della tipologia chiara vedo girare in nero o con smokey eyes carichissimi per il Regno Unito (e quelle poche che ci sono pure in Italia, tutto il mondo è paese!!!), forse pensando che il contrasto sia donante, quando invece è la cosa che più le penalizza.

7) le soft, specie se sono soft profonde, vogliono essere brillanti, altra sorta di strana regola ferrea della psicologia del colore: un po’ come per la storia delle estati, le soft sembra che prediligano fortemente ciò che più le penalizza, i colori neon a nastro.

8 ) le brillanti (quelle poche) pensano di essere soft perchè, un po’ come le inverno e le primavere in generale, sottovalutano la propria capacità di portare colore e perché hanno il più delle volte un colorito ingannevole, anche in colori non loro non sembrano poi così penalizzate. Peccato che invece sulle brillanti la differenza, una volta viste nei loro colori, sia clamorosa.

9) Le profonde in genere sono quelle più brave ad auto-analizzarsi, forse perché nella maggior parte dei casi il contrasto dei loro colori è talmente evidente che non lascia spazio a molti dubbi. Se sono chiare di carnagione tendono ad usare colori non abbastanza scuri pensando di non poterseli permettere. Al massimo si rivelano essere delle soft profonde ma in genere ci vanno comunque vicino.

10) Aggiungo inoltre un piccolo corollario statistico che ho potuto stilare incrociando le mie esperienze personali sul forum e al di fuori e le analisi dei vips:

a) le stagioni profonde e soft profonde sono le più comuni in assoluto, in Italia sicuramente, ma anche più a nord non sono poi così impossibili da incontrare, specie le soft profonde. Potrete pensare, stando alle iscritte sul forum, che le estati soft profonde non siano tanto comuni, beh non è così: in realtà là fuori ce ne sono parecchie ma devo ancora capire come mai le estati hanno una maggiore resistenza all'armocromia delle altre tipologie e credo ricorrano poco all'analisi, o cmq se ne disinteressino nel giro di poco preferendo tenersi i colori da inverno che spesso preferiscono ai propri!

b) le stagioni assolute non sono particolarmente comuni, è difficile essere troppo calde o troppo fredde. Penserete che le inverno assoluto siano facili da incontrare visto che qui nel forum siamo tantine...beh la mia esperienza mi dice che siamo ben poche nella vita reale e che per qualche strano motivo (di nuovo) opposto a quello delle estati, a noi inverne ci piace farci analizzare. Misteri della psicologia del colore.

b) fatevene una ragione se ci sperate: le stagioni brillanti sono rarissime, Pia ne analizza due all'anno se le va bene. Così è se vi piace. Non si chiamano unicorni dell'armocromia a caso

c) anche qui, a meno che non abbiate dei chiari segnali riflessi dallo specchio, ri-fatevene una ragione: in Italia, almeno, le stagioni chiare e soft chiare sono davvero poco diffuse, non al livello delle mitologiche brillanti ma siamo lì!!Certo se andate a Stoccolma o Berlino, le cose potrebbero sembrare un tantino diverse e pure lì cmq farete meno fatica a trovare primavere chiare rispetto alla variante più soft o alle estati chiare. Se siete del nord Italia senza influenze mediterranee o meridionali di chiare ascendenze normanno-sveve, beh potete prendere in considerazione l'ipotesi chiara/soft chiara....ma non è detto Twisted Evil (Christina Aguilera biondissima occhi azzurri è inverno assoluto!!!).

d) sono noiosa e mi ripeto per la terza volta di fila anche qui rassegnatevi: i colori primaverili sono tanto belli, allegri e frizzantini ma, almeno qui in Italia le primavere, di qualsiasi tipologia, sono davvero poco comuni. Lo diventano di più tra gli anglosassoni/germanici, come testimonia il nutrito elenco di primavere vips, che sono tutte inglesi, americane anglosassoni, olandesi ecc ecc.

Ovviamente tutto ciò non è scolpito nella pietra per sempre, ma le indicazioni di massima che vengono da più parti sono queste. Ci tengo comunque a ribadire che l'etnia o la provenienza non determinano la stagione in modo sicuro...Pia ha analizzato inverni assoluti biondi ed estati chiare castane!!!Insomma il bello dell'armocromia è che per quanto si cerchino delle linee guida generali che posso essere utili sulla gran parte delle persone, in realtà non c'è nulla di predeterminato!!!

Da questi 10 punti più sottopunti ho tratto nella mia piccola esperienza 3 conclusioni:

Conclusione 1: le autunno profondo sono le più brave a “capirsi”, brave!!!!Basta vedere le nostre utenti quanto sono brave coi colori Very Happy insieme alle parenti inverne ovviamente Cool

Conclusione 2: esiste una stagione più inflazionata in cui tutte si riconoscono: risposta scontatissima, l’inverno, specie l’assoluto e il brillante (tipologia quest'ultima davvero poco comune) sono le stagioni che tutte vorrebbero essere. Rossetto rosso classico in base blu, il nero che fa tanto chic, colori vivaci percepiti come molto femminili (fuchsia o giù di lì) e vistosi (blu elettrico) sono i colori che, per vari motivi (forse perchè vanno sempre di moda?I colori vivaci ispirano vitalità e salute?) quasi tutte vorrebbero portare. Ironia della sorte, io che sono inverno assoluto al limite con l'inverno brillante fatico a darmi una spiegazione di questa smania di vedersi inverno ma tant'è. L’esperienza di questo forum insegna che nella quasi totalità dei casi chi si autodefinisce inverno assoluto o brillante…..non lo è!!!!Oltretutto sono colori da usare con una certa cautela se non si è sicure di poterseli permettere….quindi, attenzione!!!!!

Conclusione 3: nella quasi totalità dei casi si vuole essere ciò che non si è!!!!!

Siete ancora tanto sicure di potervi autoanalizzare, di sapere davvero quali sono i vostri colori migliori? Forse sì…….se considerate la casistica sovraesposta e vi ci ritrovate!!!!

Buon divertimento e a presto!!!!!

_________________
Inverno Assoluto
Soft/Romantic Gamine
Top
Profilo Invia messaggio privato
Mostra prima i messaggi di:   
Questo forum è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare gli argomenti.   Quest'argomento è chiuso: Non puoi inserire, rispondere o modificare i messaggi.    Indice del forum -> FORUM CHIUSO!!! Ci siamo trasferite su Facebook! Nuove liste prodotti e personaggi famosi! Tutti i fusi orari sono GMT + 2 ore
Pagina 1 di 1

 
Vai a:  
Non puoi inserire nuovi argomenti
Non puoi rispondere a nessun argomento
Non puoi modificare i tuoi messaggi
Non puoi cancellare i tuoi messaggi
Non puoi votare nei sondaggi
c d
e



Powered by phpBB © 2001, 2005 phpBB Group
phpbb.it

Abuse - Segnalazione abuso - Utilizzando questo sito si accettano le norme di TOS & Privacy.
Powered by forumup.it forum gratis free, crea il tuo forum gratis free ora! Created by Hyarbor & Qooqoa
Confirmed

Page generation time: 0.188